domotica in cucina

La domotica ti cambia la vita (si, anche in cucina)

Per sua natura l’uomo cerca sempre di migliorare e semplificare la sua vita, e per tale motivo, negli ultimi anni, si è di molto sviluppato il settore della domotica.

Ma che cos’è la domotica?

Si tratta di una casa tecnologica che migliora notevolmente la qualità della vita all’interno dei propri ambienti domestici, coniugando tutti i sistemi tecnologici dell’elettronica e dell’informatica.

La nostra quindi diventerà una casa intelligente, una casa moderna, una casa diversa da quella dei nostri nonni e dei nostri padri, e risulterà essere intelligente perché in grado di adattarsi alle diverse esigenze modificando i propri apparati e i propri impianti in funzione di variabili interne ed esterne.

A mezzo un sistema di automazione e di reti wireless, questa casa tecnologica riesce a gestire in totale autonomia e in maniera coordinata le più semplici funzioni svolte generalmente da interruttori, videocitofoni, sistemi di allarme e qualsiasi altro sistema della casa.

Qualora possa nascere una perplessità circa la spesa da affrontare per rendere intelligente la nostra casa, è doveroso però tener conto che tali costi saranno subito ottimizzati e abbattuti, migliorando l’abitabilità della casa utilizzando solo l’energia di cui abbiamo bisogno, favorendo la classificazione energetica dell’abitazione e aumentando anche il suo valore economico.

Per questo la casa domotica è definita una casa intelligente, altrimenti dove sarebbe l’intelligenza?

La domotica non ha reso intelligente la nostra casa solo donandoci confort o riducendo i consumi energetici, ma rendendola sicura e donandoci quindi serenità e tranquillità.

Come?

I sistemi di allarme domotici rilevano le fughe di gas, di fumo e di allagamento inviandoci istantaneamente un messaggio.

L’impianto metterà in sicurezza tutta la casa chiudendo le valvole in attesa di un pronto intervento. I sensori di anti intrusione, invece, ci permetteranno di controllare direttamente da remoto tutti gli spazi, o se lo desideriamo, solo alcuni, a seconda delle nostre esigenze. Tutto questo anche se ci troviamo dall’altra parte del mondo.

Quando parliamo di domotica non consideriamo solo l’automazione, cioè il funzionamento automatico di alcuni dispositivi.

Parlare di domotica non vuol dire concentrarsi solo sul funzionamento automatico di singoli dispositivi, ma dobbiamo anche far riferimento ad un vero e proprio impianto articolato, in grado di gestire e controllare le diverse automazioni. Possiamo prendere in considerazione tre diversi livelli, in ordine di complessità, che ci permettono di inquadrare meglio ciò che genericamente chiamiamo “domotica”.

LIVELLO 1 – Dispositivi singoli:

Trattasi di piccole apparecchiature che possiamo acquistare e installare direttamente noi stessi (telecomandi, motori elettrici, sensori). Questi dispositivi, dotati di alto contenuto tecnologico, portano all’interno della casa soluzioni innovative con funzioni di automazione o controllo che, anche se non sono inseriti in un sistema, possono essere considerati, in un certo senso, come un primo passo verso la domotica. Tra questi dispositivi, quelli più richiesti e cercati sono indiscutibilmente dei prodotti riguardo la cucina, le persone cercano infatti il miglior robot da cucina sia su Google, che su Amazon e nei principali siti web del settore.

LIVELLO 2 – Piccoli impianti:

Rappresentano una serie di dispositivi collegati tra loro e gestiti da un unico sistema di controllo (centralina o computer). È una sorta di piccolo impianto domotico presente solo in alcune parti della casa: può servire per gestire una specifica funzione (l’apertura delle porte) oppure per assicurare la gestione completa delle funzioni di un locale come, ad esempio, il “controllo ambiente” di una camera per gestire luci, tapparelle, tv, ventilatore ecc.

LIVELLO 3 – Sistemi domotici:

A questo livello la domotica si esprime al massimo potenziale. Il sistema domotico rappresenta la piena integrazione degli impianti (elettrico, idrico, riscaldamento, automazioni, sicurezza ecc.). La gestione dei diversi impianti viene affidata ad un sistema di controllo che ne ha la supervisione.Comunichiamo con il sistema a mezzo di tastiere, telecomandi, computer per controllare il funzionamento dei dispositivi presenti all’interno della nostra casa.

Spero che con questo articolo, ciascuno di noi saprà quindi con maggiore precisione individuare le proprie esigenze ed arriverà ad eliminare le soluzioni poco gradite o obsolete.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.