Riti voodoo a New orleans

New Orleans, concentrazione di mistero e esoterismo dei Riti Voodoo

Quando si parla di New Orleans le prime immagini che vengono alla mente sono corpulenti jazzisti di colore che soffiano con le guance tese dentro trombe e sassofoni, mani che volano sulle tastiere di vecchi pianoforti mentre nei locali il fumo si densa in una nebbia spessa. Ma nono solo. New Orleans evoca anche immagini, per certi versi, inquietanti: riti di magia nera e magia bianca, bambole antropomorfe trafitte da spilloni, danze frenetiche che ricordano le possessioni demoniache, in una parola, voodoo.

Personaggio chiave dei riti voodoo a New Orleans

L’anima voodoo di New Orleans

L’anima nera di New Orleans è impregnata di riti voodoo, magia, tradizioni antichissime che si fondono con la religione, danze propiziatorie, tutto riconduce alle origini africane di quest’affascinante città. Per comprendere il cuore esoterico di New Orleans bisogna tornare indietro nel tempo di qualche secolo. Siamo in Louisiana, al tempo delle deportazioni degli schiavi neri dall’Africa. Gli schiavi vengono portati in città in seguito a dei disordini avvenuti nelle isole caraibiche in cui erano stati condotti in precedenza. Qui la cultura profondamente cattolica della cittadina americana viene permeata con forza dai riti e dalle tradizioni africane, dando così origine al voodoo.

Marie Leveau, the Voodoo Queen

Quando si parla di voodoo a New Orleans si parla della regina del voodoo, Marie Leveau, una mulatta che ancora oggi viene venerata ai pari di una santa. Marie Leveau era una semplice parrucchiera, ma la vasta conoscenza dei più antichi riti voodoo l’hanno fatta entrare nella storia, e anche nella legenda. Si racconta che praticasse i riti propiziatori a est del City Park, in una zona paludosa conosciuta come Bayou St. John. Ma non solo, la donna preparava filtri e pozioni, amuleti e perfino le tanto temute bamboline voodoo, utilizzate per fare del male alla persona per cui venivano create. La sua morte, avvenuta nel 1881 si ammanta di mistero e c’è chi giura, ancora oggi, di vederla mentre cammina e pratica riti magici nel Quartiere francese.

Cimitero di St. Louis n.1

Suggestivo, inquietante, macabro, affascinante. Il cimitero n. 1 di St. Louise sorge proprio accanto al Quartiere francese, il quartiere di New Orleans che trasuda esoterismo e voodoo. Consacrato nel 1789 oggi offre ai visitatori tombe antiche che accolgono le spoglie anche di personalità famose come, nemmeno a dirlo, quella di Marie Leveau. La sua tomba è ancora oggi meta di pellegrinaggi, di preghiere e offerte votive.

Riti voodoo

Historic Voodoo Museum

Se si vuole entrare subito in contatto con la magia e l’esoterismo di New Orleans il posto giusto è il Museo storico dedicato al voodoo, ovviamente nel Quartiere francese, al 724 di Dumaine Street. Amuleti, croci e le immancabili bamboline con gli spilloni conficcati sono i protagonisti assoluti, ma non mancano anche altri elementi quali altarini, barattoli contenenti insetti candele con la cera che cola e la gris-gris, polvere per incantesimi, declinata in tante diverse varietà. Anche qui si nota la presenza della regina del voodoo Marie Leveau grazie alla collezione di oggetti e di paramenti per rituali esoterici che le appartenevano. Prima di lasciare il Museo si può visionare un breve documentario sulla storia dei rituali voodoo.

Cattedrale di St. Louise

Questa Cattedrale gotica venne edificata nel 1789 sulle fondamenta di due chiese andate distrutte durante un pauroso incendio. Questo basterebbe per rendere la Cattedrale di St. Louise un luogo suggestivo, ma non è tutto. La chiesa, che sorge nel Quartiere francese in Jackson Square, ha ospitato non solo riti prettamente cristiani, ma anche rituali di origine creola che possono essere considerati le vere origine dei riti voodoo. La stessa Marie Leveau con i suoi seguaci partecipava a queste funzioni all’interno della Cattedrale.

Negozi voodoo

Sono numerosi i negozi che trattano articoli voodoo, soprattutto in Bourbon Street. Qui si trovano non solo souvenir per turisti, ma anche oggetti e “ingredienti” per praticare le arti esoteriche del voodoo. Gli stessi negozianti, sovente, praticano rituali magici e il loro legame col voodoo è talmente forte da essere praticamente un aspetto della loro vita. Alcuni sono ben disposti a mostrare alcuni semplici rituali, soprattutto durante le celebrazioni del carnevale il Mardi Gras.

Congo Square

In passato si chiamava Places des Nègres ed era qui che gli schiavi afroamericani si ritrovavano per lasciarsi andare in magici rituali, danze sfrenate e canti. Qui non solo veniva celebrato il voodoo, ma si diede origine alla musica jazz.

Questi sono i luoghi pregni di fascino e mistero, il fascino di rituali antichi che si intrecciano a un percorso  storico complesso, ma che assieme alla straordinaria musicalità degli afroamericani hanno reso New Orleans una città davvero magica.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.