Champions League, terza giornata. I match del martedì

Torna in scena la Champions League con la due giorni che vedrà impegnate le migliori squadre europee del momento. Nella prima giornata otto partite per quattro gironi, già decisive in chiave qualificazione.

Nel girone G il Leicester di Claudio Ranieri, nonostante un andamento in campionato non all’altezza, cerca in Champions la terza vittoria consecutiva contro il Copenhagen. Fino ad ora due vittorie con zero gol subiti per i Foxies. La squadra danese con i suoi 4 punti insidia però proprio gli inglesi e una vittoria darebbe loro la testa della classifica. Il Copenhagen, forte del pareggio con il Porto e della vittoria contro il Legia, è imbattuto dallo scorso maggio e non sarà facile per il Leicester avere la meglio.

uefa_champions_league_logo_2L’altra partita del girone G, Club Brugge-Porto, rappresenta quasi uno spareggio per restare in scia di Leicester e Copenhagen. La squadra belga ha subito due sonore sconfitte fino ad ora, subendo 7 reti senza riuscire ma  a segnare. Gli uomini di Preud’homme, che anche in campionato stanno andando male, cercano contro il Porto la partita della svolta. I portoghesi però sembrano squadra più attrezzata, anche se il con pareggio 1-1 col Copenhagen e la sconfitta 1-0 a Leicester, si sono complicati non poco il cammino verso la qualificazione. La squadra di Nuno Espírito Santo cerca dunque il colpo esterno per rimettersi in carreggiata.

Nel gruppo H il Siviglia fa visita alla Dinamo Zagabria che fino ad ora si è dimostrata una squadra di livello nettamente inferiore rispetto agli avversari: due sconfitte, zero gol fatti e 7 subiti. L’unica speranza è che il cambio di allenatore (il bulgaro Petev subentrato a Sopic dopo la sconfitta contro la Juventus), possa aver dato la giusta scossa all’ambiente. Il Siviglia dal canto suo ha l’occasione per allungare il passo, dopo il bel pareggio di Torino e la vittoria contro il Lione, sperando che i bianconeri facciano un altro mezzo passo falso in Francia.

Lione-Juventus risulta dunque decisiva ai fini della corsa verso gli ottavi di finale, come dimsotrano anche le quote delle scommesse sulla Champions League. La squadra francese è staccata di un punto rispetto alla Juve avendo perso contro il Siviglia due settimane fa. Una vittoria significherebbe sorpasso ai bianconeri. La Juventus però non può e non deve accontentarsi, anzi ha l’obbligo di fare risultato pieno per sperare di raggiungere il primo posto in classifica. Tanti assenti per Allegri, che comunque può contare sul grande stato di forma di Dybala e del solito Higuain. Due i precedenti tra le due formazioni, tutti vinti dalla Juve, entrambi nell’Europa League del 2014.

Il gruppo F vede il Real Madrid impegnato in una partita sulla carta ampiamente alla sua portata. Il Legia Varsavia è ultimo in classifica con zero punti, zero gol fatti e otto subiti: con queste premesse, al Santiago Bernabeu potrebbe rendersi necessario il pallottoliere. Inoltre il Real Madrid ha scaldato i motori andando a vincere per 6-1 sul campo del Betis Siviglia.

Nello stesso gruppo, la gara tra Sporting Lisbona e Borussia Dortmund è molto più equilibrata dal pronostico incerto. I portoghesi sono fermi a quota 3 punti alle spalle del Borussia, ma hanno dalla loro una sconfitta a testa alta contro il Real Madrid, arrivata solo nei minuti finali. Una vittoria consentirebbe ai Leões di scavalcare il Borussia e di mettersi in scia al Real Madrid che sembra scappare via. Per i tedeschi partita decisiva: una vittoria significherebbe speranze di giocarsela anche per il primo posto, ma una sconfitta li catapulterebbe in terza posizione.

Nel girone E bella sfida tra Leverkusen e Tottenham che inseguono il Monaco, rispettivamente a quota 2 e 3 punti. Entrambe quindi a caccia della vittoria per non perdere il treno della qualificazione. Le aspirine sono reduci da un’inaspettata sconfitta a Brema per 2-1 e anche per gli Hammers stop inatteso contro il WBA che ha spezzato un filotto di cinque vittorie consecutive.

Nell’altra gara del gruppo E, testacoda tra Cska Mosca e Monaco. I russi sono fermi a un punto conquistato contro il Bayer Leverkusen e cercano una vittoria che li rilancerebbe non poco in classifica, anche grazie alla contemporanea sfida tra le squadre che li precedono. Una vittoria significherebbe anche aggancio al Monaco che di punti ne ha 4 ed è reduce da una brutta sconfitta per 3-1 a Tolosa in campionato.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.