camera a shock termico espec

Come testare la capacità di adattamento dei materiali

Per testare le caratteristiche e l’adattamento di prodotti e materiali è possibile avvalersi di speciali apparecchiature denominate camere per shock termico.

Camere per shock termico: come testare i materiali

Prima che un prodotto venga messo in commercio subisce numerose prove, per la conferma delle sue caratteristiche primarie e dei materiali che sono stati impiegati per la sua realizzazione. Qualsiasi sia il prodotto in oggetto, non può essere venduto senza che venga controllato e “messo alla prova”.

Perché tutto questo? Semplice: un prodotto realizzato in Italia non sarà distribuito solamente nel paese di origine ma anche in paesi che si trovano dall’altra parte dell’emisfero e, presentano condizioni climatiche totalmente differenti, con umidità e temperature che potrebbero compromettere il prodotto stesso. Ci sono anche prodotti che possiedono componenti elettrici o meccanici che possono non sopportare le differenze climatiche, per questo motivo è fondamentale che vengano provati prima della vendita.

Le camere per shock termico prendono questo nome propriamente perché riescono a simulare ogni tipologia di situazione ambientale, sino alla più difficile e drastica con umidità e sbalzi di temperatura molto elevati. Si differenziano in:

  • liquido orizzontale
  • aria – aria
  • liquido -liquido
  • temperatura caldo – freddo – umido

I test che vengono effettuati all’interno dei vani sono molteplici e a seconda della necessità, Il prodotto può essere messo a contatto con un ambiente straordinario con oscillazioni della temperatura da -80° sino a +220°, oppure con differenti gradi di umidità. E’ anche possibile la simulazione del ciclo giorno e notte (in pochi secondi) grazie a particolari luci interne. E’ infine possibile ottenere un test specifico che valuta  l’invecchiamento, ottenuto grazie a vibrazioni, con umidità particolari e sbalzi di temperatura che cambiano in pochi secondi.

Fino a ora abbiamo tenuto conto solamente delle varie condizioni  che si possono trovare in un ipotetico paese di destinazione, differente da quello di realizzazione, ma un altro aspetto importante è quello legato al trasporto.

pannello comandi per camera a shock termicoInfatti è possibile che il prodotto subisca numerosi urti, variazioni di clima (aereo oppure nave) e sollecitazioni multiple. Le camere per shock termico prevedono anche questo, sottoponendo i vari prodotti ad ogni tipologia di test, verificando il grado di stress e confermando la loro integrità finale.

Se avete l’esigenza di acquistare una camera per shock termico potete guardare sul sito della GEASS, dove troverete tante informazioni tecniche e maggior dettagli.

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.