porta-scorrevole

I consigli giusti per acquistare una porta scorrevole

Se si vive in una casa dalla metratura limitata, si può soddisfare la necessità di limitare al massimo gli ingombri ricorrendo a una porta scorrevole: ecco quali sono le alternative che il mercato propone.

Le porte scorrevoli non sono solo soluzioni di design in grado di migliorare lo stile dei contesti in cui vengono collocate: esse rappresentano a tutti gli effetti dei sistemi salvaspazio, utili per sostituire le porte a battente classiche che presuppongono un ingombro decisamente più elevato. Ma quali sono i diversi modelli che si possono trovare in commercio?

Gioma srl negozio di porte interne a Trieste ci aiuterò ad orientarci tra le diverse tipologie.

Le principali alternative tra cui scegliere sono due, rappresentate dalle porte scorrevoli a scomparsa e dalle porte scorrevoli filo muro. Va detto, poi, che chi è in cerca di soluzioni speciali può vedere assecondati i propri gusti con le porte scorrevoli a vetro e con le porte scorrevoli a specchio.

Come è fatta una porta scorrevole filo muro

Ma iniziamo dalle porte scorrevoli filo muro: sono le più classiche, in quanto scorrono in parallelo al muro. Esse vengono chiamate anche porte scorrevoli esterno muro, visto che restano sempre visibili. Sono meno costose rispetto alle altre, dal momento che non c’è bisogno che vengano eseguiti dei lavori di muratura per la loro installazione. Il meccanismo di funzionamento è molto semplice: la porta scorre su un binario esterno, ed è per questo che lungo la parete non ci devono essere mobili o altri ostacoli.

Le caratteristiche di una porta scorrevole a scomparsa

Molto diverse sono, invece, le porte scorrevoli a scomparsa: in questo caso tutto si basa su un controtelaio installato all’interno della parete. Si tratta di una struttura in metallo grazie a cui la porta scompare, una cassa interna al muro che accoglie il sistema di scorrimento (cioè il binario) situato nella parte superiore. Una soluzione di questo tipo può essere adottata sia con una parete in cartongesso che con una in intonaco: mentre la porta scorre all’interno della parete, a bloccarla ci pensa un montante verticale di battuta.

Come scegliere la porta scorrevole

Tipicamente una porta scorrevole è realizzata in legno, ma ovviamente ci sono diverse alternative disponibili. Quello che conta è che essa sia robusta e resistente, in grado di durare a lungo nel tempo, ma comunque leggera. La fluidità è una peculiarità di fondamentale importanza per una porta di questo tipo, che deve poter scorrere con facilità e, ovviamente, non deve essere causa di crepe all’interno del muro.

Le porte scorrevoli con specchio

Le porte scorrevoli con specchio sono una variante molto interessante che può essere declinata sia nella versione a scomparsa che in quella filo muro. Le porte scorrevoli con vetro a specchio sono consigliate per i contesti in cui c’è bisogno di più privacy, come una sala riunioni o un ufficio. Esse sono strutturate in modo che da una parte si possa vedere al di là della porta, ma dall’altra parte no: ciò dipende proprio dal vetro a specchio, che a seconda del lato da cui ci si trova funge da specchio o da vetro.

La luminosità delle porte a specchio

Uno dei punti di forza delle porte scorrevoli a specchio consiste nella loro capacità di trasmettere un senso di apertura dovuto alla maggiore luminosità che viene messa a disposizione. Lo specchio, in effetti, è dotato di un potere riflettente grazie a cui gli ambienti vengono percepiti come più spaziosi. I contesti di applicazione possibili sono numerosi: per esempio un bagno patronale può essere chiuso con una porta scorrevole a specchio che funga da specchio a figura intera, ma lo stesso vale anche per una cabina armadio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.